GRAZIE A TUTTI

Vita nuova?
 

Si chiude un capitolo, se ne apre un altro?

 

Così è la vita, tutto si trasforma, nel bene e nel male. Mentre salutavo un'amica di qui dentro, con la quale per una stagione della vita ho condiviso cose molto divertenti, pensavo con tristezza che sto per lasciare, ancora, un po' di cuore, proprio qui, che lo consideravo, stupidamente un luogo eterno.
Eppure avrei dovuto imparare da tempo che di eterno non c'è nulla…

Ho conosciuto persone magnifiche, sotto tutti i punti di vista, alcune si sono concretizzate materialmente le ho potute toccare, annusare. Altre sono rimaste uno scambio epistolare, un pensiero, ma così forte nella mia testa, da accompagnarmi in tanti gesti del quotidiano e questo significa essere importanti.
Vorrei salutarvi uno ad uno e dedicarvi un pensiero, ma non vorrei dimenticarmi qualcuno e nel rischio preferisco salutarvi tutti insieme.
Solo Carlo e Primo, figure fondamentali di questo pianeta e che non sono più tra noi cito volutamente, per condividerne con voi la memoria.

Voglio che sappiate, che ognuno di voi per me ha rappresentato tanto, tantissimo, che siete stati importanti, a volte fondamentali per farmi sentire viva e partecipe di un tutto che a tratti mi è stato ostico. Mi sono sentita protetta, amata, seguita, voluta bene, considerata.
E' stato bellissimo e vi ringrazio dal profondo del mio essere.

Vi lascio con l'immagine del mio cuore di pelo, colei che diede vita al mio nick perchè Sgnapis era il nome con cui la chiamavo a volte.
Sono certa  che ci incontreremo altrove, ma se  non dovesse accadere, rimarrete per sempre con me.

Grazie
SgnapiSilvia

                                                                                     
                                                                http://sgnapisvirgola.iobloggo.com

                                                                                    Arrivederci….
 

sgnapis2

Annunci

Cleotìte

poccio 1

 

Stava nella cesta accanto al divano, ricordi? Abbiamo passato un mese così io e lei.
Un mese a dormire sul divano per tenerle la mano vicino al musino, in soggiorno, perché non riusciva più a stare in piedi da sola e scivolava sul marmo, senza il grande tappeto.
Un mese in cui ho creduto di strapparla alla morte per un po' di tempo ancora.
E così è stato; era cresciuta un chilo malgrado la grave crisi renale. Voleva farle la puntura il veterinario, perché diceva fosse condannata. Ma io tornai a casa di corsa con lei viva dentro la sua cesta, con dolori lancinanti ai piedi tanto il sangue si era sconvolto all'idea e mi circolava dentro, impazzito.
Ti faceva tanta pena, quanta te ne facevo io, ne sono certa, totalmente incapace di accettare di lasciarla morire, io che l'ho tenuta in vita a tutti i costi: flebo, pastiglie, punture, omogeneizzati, pappine energetiche che somministravo con la siringa perché era inappetente. Però dalla mia mano un pochino mangiava…prosciutto cotto.
Ti commuovevi ogni volta.
E lei, dolcissima, mi guardava con quegli occhioni sgranati e acquosi come a dirmi: è finita, sono stanca…

Non ho mai guardato i miei occhi in quei momenti, ma dentro portavano la preghiera di avere la forza di ascoltarla e di lasciarla andare.

Mi svegliai alle 6 di quel primo giorno del mese di giugno, di soprassalto perché la sentii rantolare. La notte era stata difficile, faticosa, dolorosa. Guaiti strazianti, pianti disperati, paura e certezza della fine. La raccolsi tra le braccia e l'appoggiai al seno. Di colpo smise di rantolare e il respiro le si fece regolare, molto regolare e silenzioso, così sincrono al mio…troppo.
Mi accorsi che ero io a respirare, non lei. Mi accorsi che lei non respirava più e il mio cuore di pelo di colpo smise di battere.
Ti chiamai, ricordi? Piangevo così forte e tu capisti senza una parola che lei se n'era andata.
Arrivo subito, dicesti.

Dopo nove giorni, nel giro di pochi minuti, mi avresti lasciato per sempre anche tu.

Ogni tanto nel dormiveglia sento il ticchettio delle unghiette sul pavimento.
Ogni tanto, quando faccio  mille cose diverse, all'improvviso penso di chiamarti per raccontarti.

Nostalgia…Tanta ne portiamo dentro quanto abbiamo vissuto, gioito, amato. Tanta ne portiamo dentro e tanti sembrano gli anni che ci portiamo appresso ricchi di questo elemento. Se fosse possibile misurarla, sono sicura che avrei più di cent'anni. 


 

Heysel 29 maggio 1985

Non credo di aver mai parlato di lui. Forse qualche piccolo accenno ogni tanto.
Non t'abbandona il dolore. S'impara a conviverci.
Si esce da una stanza in cui trasmettono una partita qualsiasi perchè non si tollerano le urla della tifoseria, se si sente nominare Liverpool non si pensa più ai Beatles. Ma si continua a vivere, ci si sposa, si divorzia, si scrive pure su un blog.
Assomigliava molto a quel signore coi baffi, sdraiato, con la bocca aperta. Ma non riconosco la camicia e nemmeno il giacchino.
L'ho sentii l'ultima volta al telefono, prima che partisse in pulman per andare a vedere la sua Juve giocare. Era felice come un bambino. Aveva preferito la squadra del cuore ad una bellissima modella che lo stava aspettando a Parigi.
Era fotografo di moda e io lavoravo con lui. Eravamo molto affiatati e ci volevamo molto bene, ero la sua sorellina, mi diceva sempre. Allora avevo 24 anni.

Non seguii la partita quella sera, per cui non sapevo nulla  nemmeno il giorno seguente, quando lo vidi in un servizio di un telegiornale, inquadrato, mentre lo stavano portando via dagli spalti, in barella, con le braccia penzoloni e lo sguardo fisso.
Indossava ancora la sua sciarpa rossa dalla quale non si separava mai.
Mi si fermò il cuore per un istante ne sono certa.
Fu l'ultima volta che lo vidi.
Tuttavia, per un paio d'anni, aspettai che mi chiamasse al telefono per dirmi che si era perso.

Dedico a lui e ai suoi 28 anni questo post, avrebbe compiuto 29 anni due giorni dopo.
Lo dedico alla sua famiglia che ha sopportato in tutti questi anni, con molta dignità, un dolore fatto anche di grande ingiustizia.
Lo dedico alle vittime e alle loro famiglie che hanno subito questa tragedia.
Lo so, è poca cosa, ma voglio dire pubblicamente, questa sera, che il suo ricordo e il suo sorriso mi hanno accompagnata sempre in questi anni.
E la rabbia, tanta rabbia.
Sarà così fino alla fine dei miei giorni. S'impara a convivere col dolore e coi suoi tormenti.

Ciao Claudio
Per sempre


/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

 

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4


/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Rocco Acerra (29)

 

Bruno Balli (50)

Alfons Bos

Giancarlo Bruschera (34)

Andrea Casula (11)

Giovanni Casula (44)

Nino Cerrullo (24)

Willy Chielens

Giuseppina Conti (17)

Dirk Daenecky

Dionisio Fabbro (51)

Jaques François

Eugenio Gagliano (35)

Francesco Galli (25)

Giancarlo Gonnelli (20)

Alberto Guarini (21)

Giovacchino Landini (50)

Roberto Lorentini (31)

Barbara Lusci (58)

Franco Martelli (46)

Loris Messore (28)

Gianni Mastrolaco (20)

Sergio Bastino Mazzino (38)

Luciano Rocco Papaluca (38)

Luigi Pidone (31)

Benito Pistolato (50)

Patrick Radcliffe

Domenico Ragazzi (44)

Antonio Ragnanese (29)

Claude Robert

Mario Ronchi (43)

Domenico Russo (28)

Tarcisio Salvi (49)

Gianfranco Sarto (47)

Amedeo Giuseppe Spolaore (55)

Mario Spanu (41)

Tarcisio Venturin (23)

Jean Michel Walla

Claudio Zavaroni (28)

 

Claudio

 

 

 

 

 

Non ti scordar di me

 

 

IMG_0827

 

Mentre Lorena spostava le mie carni da Sud a Nord e da Est a Ovest con grande maestria, imperiosa è apparsa un’immagine.

E ho sensito il suono delle unghiette sul pavimento e una struggente voglia di stringerla a me mi ha sommerso come un’onda d’oceano.

Avevo voglia del suo odore di Sgnapis.

Tanto che Lorena si è fermata di colpo convinta che le lacrime fossero frutto del suo massaggiare.

Ho detto di sì.

Non sempre si ha voglia di parlare delle proprie nostalgie.

IMG_0571

Ed è pure la notte delle stelle cadenti…

Nessuno sa che i poeti

grondano acqua

come pianto assoluto

e che c’e sempre

una rondine che migra

bellissima e sola,

che va a posarsi

sui loro talenti.

 

(Alda Merini)

 

marypersempresz6

 Ho guardato in sù per dieci minuti nel più buio che ho potuto e non ho visto niente.

Poi mi sono chiesta, ma io cosa ci sto a fare qui?

Allora sono entrata in casa, tra le nostre cose.

***

Da fiordibrughiera che è una persona speciale… e che ringrazio immensamente

 

Ho voglia di ripubblicare qui pensieri mossi da sguardi incrociati, muti, silenziosi ma molto eloquenti, il mio e quello del caro fratellone.

Questa voglia oggi è mossa e sollecitata dal patimento per due cari amici, sgnapisvirgola e MaryS, ai quali dedico i versi che seguono, con il cuore in mano e nella certezza che l’Amore non ha tempo e vive  oltre il tempo….

SENZA FINE

 

 

Si sfalda il guscio

che ci ospitò

giusto il tempo d’amarci

con tenera fraternità

 

breve, intenso di abbracci e di parole

 

Liquidi  gli occhi,

che sorrisero ai giochi infantili

piansero distacchi improvvisi,

ci scavano l’anima

 

E’ lì che accoccolati noi ci uniamo,

in un tempo infinito,

senza braccia, né voce, né mani,

 

lungo ed intenso per abbracci irreali e nel silenzio

 

In un sorriso smorzerò la tua paura

che scuote le tue  membra

s’aggrappa al mio respiro ed è già tuo

 

Nei tuoi accenti ripiegherò la mia angoscia

ne farò scrigno per noi

lo riapriremo insieme assaporandoci in preghiera,

 

lunga ed intensa nell’Amore che non conosce morte

e non ha fine…

VOCE 19 6 08

 

JPG.636A

 

"Quando non sarò più nulla e non vorrò più nulla, brillerà in me la parte più luminosa della mia anima in cui è riflesso l’orgoglio dell’ispirazione (…). Vedrò Bulgakov  sorridere e mi inginocchierò baciando le mani che scrissero anni e anni, al servizio dei nostri giorni migliori; le mani di colui che morì senza ricevere, in vita, un solo complimento(…). Gli bacerò le mani fino a farlo sorridere perchè deve sorridere di gioia celestiale chi ha speso la sua vita a dare agli esseri umani  Il Maestro e Margherita.  So che accadrà tutto questo anche se non sarò più nulla. So che accadrà perchè sapevo, scrivendo, ciò che dovevo fare…"

                             Rotolibro d’autore – Carlo Berselli – 1999

                 

003

 

L’immagine di me voglio che sia
sempre ventenne, come in un ritratto;
amici miei, non mi vedrete in via,

curvo dagli anni, tremulo, e disfatto!
Col mio silenzio resterò l’amico
che vi fu caro, un poco mentecatto;

il fanciullo sarò tenero e antico
che sospirava al raggio delle stelle,
che meditava Arturo e Federico,

ma lasciava la pagina ribelle
per seppellir le rondini insepolte,
per dare un’erba alle zampine delle

disperate cetonie capovolte…

Gozzano

VENGO DA CHIRIELEISON CHE SENTO MOLTO AFFINE…

E RUBO QUESTA POESIA PURTROPPO COSI’ CALZANTE E IRONIA DELLA SORTE

POSTATA DA CARLO POCHI MESI OR SONO…

DSCN0285sesaFermate gli orologi, tagliate i fili del telefono e regalate un osso al cane, affinché non abbai. Faccia silenzio il pianoforte, tacciano i risonanti tamburi, che avanzi la bara, che vengano gli amici dolenti. Lasciate che gli aerei volteggino nel cielo e scrivano l’odioso messaggio: lui è morto. Guarnite di crespo il collo bianco dei piccioni e fate che il vigile urbano indossi lunghi guanti neri. Lui era il mio nord, era il mio sud, era l’oriente e l’occidente, i miei giorni di lavoro, i miei giorni di festa, era il mezzodì, la mezzanotte, la mia musica, le mie parole. Credevo che l’amore potesse durare per sempre. Beh, era un’illusione. Offuscate tutte le stelle, perché non le vuole più nessuno. Buttate via la luna, tirate giù il sole, svuotate gli oceani e abbattete gli alberi. Perché da questo momento niente servirà servirà più a niente.

                                                                              14/04/54   – 10/06/08

sgnapis2

                                                                               06/01/91 – 01/06/08

Per te

È per te che sono verdi gli alberi
e rosa i fiocchi in maternità
è per te che il sole brucia a luglio
è per te tutta questa città
è per te che sono bianchi i muri
e la colomba vola
è per te l’11 febbraio
è per te la campanella a scuola
è per te ogni cosa che c’è ninna na ninna e…
è per te che a volte piove a giugno
è per te il sorriso degli umani
è per te un’aranciata fresca
è per te lo scodinzolo dei cani
è per te il colore delle foglie
la forma strana della nuvole
è per te il succo delle mele
è per te il rosso delle fragole
è per te ogni cosa che c’è ninna na ninna e…
è per te il profumo delle stelle
è per te il miele e la farina
è per te il sabato nel centro
le otto di mattina
è per te la voce dei cantanti
la penna dei poeti

è per te una maglietta a righe
è per te la chiave dei segreti
è per te ogni cosa che c’è ninna na ninna e…
è per te il dubbio e la certezza
la forza e la dolcezza
è per te che il mare sa di sale
è per te la notte di natale
è per te ogni cosa che c’è
ninna na ninna e…

img67/3336/sorrisork6.jpg

Con amore infinito per la vita auguro a Stella la vita più bella.

Benvenuta